Home Comunicati stampa ROMA.LEGITTIMO AFFIDAMENTO PER GLI ATTUALI CONCESSIONARI DEMANIALI.

ACCEDI AL SITO

ROMA.LEGITTIMO AFFIDAMENTO PER GLI ATTUALI CONCESSIONARI DEMANIALI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 28 Luglio 2016 10:38

Tomei, Cna Balneatori:" fondamentale riconoscere il legittimo affidamento delle concessioni demaniali marittime agli attuali titolari di stabilimenti balneari".

tomei alzamano

 

ROMA. MARTEDI' 2 AGOSTO 2016
 
 
ORE 14,00 C/O SEDE CNA NAZIONALE
 

UFFICIO DI PRESIDENZA CNA BALNEATORI

DISCUSSIONE E APPROVAZIONE

DOCUMENTO GIURIDICO SINDACALE

CNA BALNEATORI SUL LEGITTIMO AFFIDAMENTO

Dalle notizie apprese a mezzo stampa circa l'esito dell'incontro tenutosi a Bruxelles con la Commissione europea DG Crescita sulle implicazioni della sentenza del 14 luglio della Corte di Giustizia Ue e sul progetto di Legge delega sulle concessioni demaniali italiane oggetto di discussione ieri a Roma al tavolo interregionale degli assessori al turismo e al demanio riteniamo fondamentale sostenere, nel contenuto del riordino normativo in materia di concessioni demaniali,
il LEGITTIMO AFFIDAMENTO PER GLI ATTUALI TITOLARI DI STABILIMENTI BALNEARI.

Ciò a maggior ragione, per le osservazioni della Commissione sui <tempi di applicazione del nuovo sistema normativo, misure sull' indennizzo, distinzione tra stima degli ammortamenti e avviamento delle imprese, definizione dell'esperienza degli operatori e questione della Spagna e del Portogallo> che ci inducono ad insistere maggiormente sulla richiesta del LEGITTIMO AFFIDAMENTO.

Tale principio è richiamato nella citata sentenza della Corte dove al paragrafo (71 si esprime testualmente "... nei limiti in cui il governo italiano fa valere che le proroghe attuate dalla normativa nazionale mirano a consentire ai concessionari di ammortizzare i loro investimenti, occorre precisare che una siffatta disparità di trattamento può essere giustificata da motivi imperativi di interesse generale, in particolare dalla necessità di rispettare il principio della certezza del diritto".

A questo principio si abbina il tema sul numero limitato legato alla verifica della scarsità della risorsa spiaggia sui circa 8 mila chilometri di coste italiane, altresì, richiamato al paragrafo (43 della sentenza della Corte.


Nel corso dell'Ufficio di Presidenza di che si rerrà a Roma martedì 2 agosto presso la sede nazionale di Cna sarà discusso il documento giuridico predisposto dagli Avvocati Righi e Nesi e approvata la linea sindacale di CNA BALNEATORI ripartendo dalle motivazioni della sentenza della Corte UE e dalle osservazioni della Commissione DG Crescita.

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Agosto 2016 08:19
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information