Home Comunicati stampa BRUXELLES. PROPOSTA DELLA CE PER L'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA SERVIZI.

ACCEDI AL SITO

BRUXELLES. PROPOSTA DELLA CE PER L'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA SERVIZI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 24 Gennaio 2017 11:06

Evidenziamo la proposta di Direttiva della Commissione Europea, concernente l'applicazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno (Bolkestein),che istituisce una procedura di notifica dei regimi di autorizzazione e dei requisiti relativi ai servizi, e che modifica la direttiva 2006/123/CE e il regolamento (UE) n. 1024/2012 relativo alla cooperazione amministrativa attraverso il sistema di informazione del mercato interno.

Tomei, Cna Balneatori: "il testo della proposta di direttiva della Commissione verrà discusso nell'Ufficio di Presidenza di CNA Balneatori che si terrà il 9 febbraio a Roma in CNA Nazionale per le conseguenti valutazioni per la ricaduta sul settore balneare".

 

Proposta di Direttiva 

LOCANDINA PROPOSTA-di-Direttiva-Parlamento-Europeo

Risultati immagini per logo freccia clicca qui

 

CLICCA QUI

PER VISUALIZZARE


Si riporta, altresì, il commento dell’Ufficio CNA di Bruxelles che ci ha segnalato il documento e che continuerà a tenere monitorato l’iter del dossier inviandoci gli ulteriori aggiornamenti non appena saranno disponibili:

<<Il documento della Commissione riguarda una proposta legislativa volta a migliorare l'applicazione della direttiva Bolkestein, attraverso la riforma dell'attuale procedura di notifica nel settore dei servizi. Dalle valutazioni della Commissione emerge, in questi ultimi anni, un’attuazione non soddisfacente della Direttiva 2006/123.

Il 40 % dei dialoghi strutturati che la Commissione ha dovuto avviare con gli Stati membri per garantire la conformità alla direttiva servizi, riguardava misure nazionali recentemente introdotte.
La proposta di Direttiva mira ad introdurre l’obbligo, per gli Stati membri, di notificare alla Commissione “qualsiasi progetto di misura che introduce nuovi requisiti o regimi di autorizzazione” che rientri nel campo di applicazione della Bolkestein, tre mesi prima della loro adozione.

L’inosservanza di questo obbligo costituirà “vizio procedurale sostanziale di natura grave”. La Commissione valuterà poi la compatibilità dell'atto con la Direttiva servizi, effettuando un controllo preventivo sugli atti legislativi nazionali. Questa proposta di Direttiva non è una revisione della Direttiva Bolkestein ma ha l’obiettivo di introdurre uno strumento legislativo per migliorarne l’attuazione e l’efficacia.

In realtà la Direttiva 2006/123 prevede già la notifica (articolo 15 par. 7). La Commissione Europea indica, però, che lo strumento adottato fino ad oggi “non ha contribuito in modo adeguato ad una corretta e piena attuazione della Direttiva Servizi.
La Commissione presenta pertanto uno strumento legislativo autonomo per ammodernare l'attuale procedura di notifica nel quadro della direttiva servizi al fine di migliorare l'applicazione delle disposizioni vigenti di tale direttiva stabilendo una procedura più efficace ed efficiente per prevenire l'adozione, da parte degli Stati membri, di regimi di autorizzazione o di taluni requisiti non conformi alla direttiva servizi.”>>

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Gennaio 2017 11:25
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information