Home Comunicati stampa Erosione costiera. Tomei: "Al più presto chiedere lo stato di calamità naturale"

ACCEDI AL SITO

Erosione costiera. Tomei: "Al più presto chiedere lo stato di calamità naturale" PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 19 Gennaio 2011 15:23

I Comuni chiedano al più presto alla Regione la dichiarazione dello stato di calamità naturale, in seguito ai gravi fenomeni di erosione che hanno colpito negli ultimi giorni diversi tratti della costa abruzzese. A sostenerlo è il segretario regionale della Fab-Cna, Cristiano Tomei, secondo il quale occorre che i consigli comunali dei centri colpiti assumano una posizione unitaria, ancor meglio se in seguito a sessioni  congiunte delle assemblee elettive: «I centri investiti dai fenomeni erosivi, che sono almeno il 50% dei 19 centri costieri regionali – sostiene - devono chiedere subito alla Regione interventi strutturali più decisi, come la sistemazione di scogliere rigide. Il semplice “ripascimento morbido”, cui spesso si è fatto ricorso nel recente passato, in casi come questo non può funzionare. Sono necessari interventi più decisi, gli interventi-tampone non hanno più senso, se non sperperare danaro pubblico».

A detta della Fab, che proprio il 24 dicembre scorso ha effettuato un lungo ed accurato sopralluogo nei diversi centri colpiti, «i danni di maggiore entità sono stati riscontrati sulla costa teramana, dove si calcola che la furia delle mareggiate abbia eroso almeno un paio di metri in profondità lungo diverse centinaia di metri di spiaggia. Ma segnalazioni di emergenza arrivano pure da diversi centri del Chietino colpiti in modo significativo. Se non si interviene in tempo, dunque, c’è un rischio concreto di distruzione per aree strategiche del turismo balneare: dunque, con gravi ripercussioni sulla stagione 2011». Per Tomei, la parola passa adesso ai sindaci dei centri colpiti: «E’necessaria l’attivazione delle amministrazioni locali, affinché la Regione intervenga intanto per il risarcimento dei danni patiti dalle strutture pubbliche e private. Poi, con la richiesta di interventi a carattere definitivo».

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Gennaio 2011 16:13
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information