Home Comunicati stampa Oggi Lunedì 07 Febbraio 2011 Palauniverso Fiera Adriatica di Silvi Marina. Il problema delle imprese balneari e il mancato rinnovo delle concessioni demaniali marittime.

ACCEDI AL SITO

Oggi Lunedì 07 Febbraio 2011 Palauniverso Fiera Adriatica di Silvi Marina. Il problema delle imprese balneari e il mancato rinnovo delle concessioni demaniali marittime. PDF Stampa
Scritto da Administrator   
Lunedì 07 Febbraio 2011 10:38
fabtestatacnatestata

IL PIANO DEMANIALE MARITTIMO REGIONALE

E’ FERMO:

COSA STA FA FACENDO LA REGIONE?

 

IL PROBLEMA DELLE IMPRESE BALNEARI

IL MANCATO RINNOVO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME

 

PALAUNIVERSO

FIERA ADRIATICA SILVI MARINA (TE)

SARAL

LUNEDI’ 07 FEBBRAIO 2011

ORE 16.00

 

ASSEMBLEA REGIONALE

dei titolari di

STABILIMENTI BALNEARI, ALBERGHI, CAMPINGS,...

A distanza di un anno, del Piano Demaniale Marittimo Regionale non s’è ne saputo più nulla. Dopo le riunioni convocate dall’Assessore Regionale al Turismo a cui sono seguite le osservazioni delle associazioni regionali di categoria, nessun passo avanti è stato fatto. Le imprese balneari attendono di conoscere se la Giunta regionale intenda varare questo importante strumento amministrativo fondamentale per la stesura di tutti i piani spiaggia dei 19 comuni costieri abruzzesi.

 


 

Tale vuoto politico amministrativo si unisce alla grave incertezza che stanno vivendo le imprese della balneazione abruzzese a causa del rischio del mancato rinnovo delle concessioni demaniali.

L’assenza di una moderna e aggiornata legislazione di settore rischia di penalizzare  irreparabilmente un sistema imprenditoriale  che, al contrario,  ha costituito con la propria presenza un’offerta economico-turistica di elevata qualità in campo nazionale e nel contesto di tutto il panorama europeo.

Gli investimenti nel settore si sono fermati. Gli impegni finanziari già assunti dalla categoria, riponendo fiducia nell’automaticità del rinnovo delle concessioni, vanno ben oltre la data del 2015 quando invece le attuali concessioni giungeranno alla loro definitiva scadenza

.Decine di centinaia sono i giovani, le donne e le figure professionali qualificate impiegate all’interno delle piccole e medie imprese turistico-balneari che rischiano di non trovare più risposte occupazionali per via di una contrazione economica dell’intero settore.

La paura diffusa di veder trascinare sul lastrico se stessi e le proprie famiglie è elevata  da parte dei titolari di queste piccole e medie imprese.

Bisogna  tracciare una strada chiara e certa perché le imprese possano tornare a lavorare sulla base di norme certe che tutelino gli investimenti già effettuati  e realizzati per garantirsi  un futuro che va ben oltre il 2015.

FEDERAZIONE AUTONOMA BALNEARI

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Febbraio 2011 11:01
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information