Home Comunicati stampa ROMA. IMPORTANTE MANIFESTAZIONE DEI BALNEARI PER TUTELARE IL PROPRIO FUTURO.

ACCEDI AL SITO

ROMA. IMPORTANTE MANIFESTAZIONE DEI BALNEARI PER TUTELARE IL PROPRIO FUTURO. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 05 Aprile 2011 15:33

roma1

ULTIM'ORA ROMA.

12 APRILE. Concessioni demaniali marittime - Confronto congiunto Regioni, Governo e Associazioni Nazionali  dei  Balneatori.

Partecipa  una delegazione della Cna balneatori  con  il Coordinatore nazionale Cristiano Tomei.

Sulle problematiche che attengono ai criteri e alle modalità di affidamento delle  concessioni demaniali marittime con finalità turistiche – ricreative ( stabilimenti balneari, alberghi, villaggi turistici, campings, ...) e proseguire la discussione già avviata con le Regioni  è stata indetta,  dal Ministro per i rapporti con le Regioni e per la coesione territoriale, on. Raffaele Fitto,  una riunione con il Presidente della Conferenza Dei Presidenti  e delle Province  Autonome Vasco Errani e  le Associazioni nazionali in rappresentanza delle imprese del settore balneare.

Alla  riunione che  si terrà a Roma in via della Stamperia martedì 12 aprile  presso la sede del Ministero per le regioni parteciperà  una delegazione  della  CNA Balneatori  con il Coordinatore nazionale Cristiano Tomei.

 

roma5

 


 

locandina-convegno-pdm

 

roma4

 

roma2

 

roma3

RAITRE TG3 ABRUZZO SULLA MANIFESTAZIONE DI ROMA CLICCA QUI onebit_27

I balneari della CNA hanno partecipato numerosi insieme ai colleghi delle altre sigle sindacali.

Le imprese abruzzesi della balneazione, aderenti alla Fab-Cna, partecipano stamattina a Roma, insieme alle altre sigle del settore, alla manifestazione nazionale indetta per sollecitare una nuova normativa in materia di rinnovo delle concessioni demaniali marittime e per il superamento della procedura d’infrazione aperta dall’Unione europea contro l’Italia. «Siamo in piazza Navona - spiega il Coordinatore Nazionale CNA Balneatori Cristiano Tomei (nella foto insieme ad altri partecipanti della delegazione abruzzese, ndr)- per confermare tutta la preoccupazione rispetto allo stato di stallo in cui si  trova la vicenda e per esprimere il nostro timore che le concessioni demaniali marittime possano scomparire dopo il 2015: bisogna tracciare una strada certa che metta le imprese in condizione di lavorare, con norme che tutelino gli investimenti già effettuati e realizzati, garantendo un futuro che vada ben oltre il 2015. Vogliamo tornare a porre all’ordine del giorno i problemi posti unitariamente all’attenzione dell’esecutivo, come l’uscita dalla procedura d’infrazione a suo tempo avviata dall’Ue, l’approvazione di una legge quadro che contenga una norma transitoria e il riconoscimento degli investimenti effettuati».

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Aprile 2011 12:56
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information