Home Comunicati stampa “Bene Tremonti. Contro l'accanimento ispettivo verso le imprese serve un coordinamento”

ACCEDI AL SITO

“Bene Tremonti. Contro l'accanimento ispettivo verso le imprese serve un coordinamento” PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 21 Aprile 2011 10:47

Così Rete Imprese Italia commenta le dichiarazioni del Ministro dell’Economia all’Audizione in Commissione Finanze della Camera. “Tremonti -  si legge in una nota - ha recepito quanto le Organizzazioni imprenditoriali denunciano da sempre: bisogna combattere l’oppressione dei controlli nei confronti delle imprese".

“Il Ministro Tremonti ha recepito quanto le Organizzazioni imprenditoriali denunciano da sempre: bisogna combattere l’oppressione dei controlli nei confronti delle imprese. Ma non dimentichiamo che l’accanimento ispettivo è figlio della cultura del sospetto verso gli imprenditori e genera la complessità e gli alti costi della burocrazia italiana. Basti dire che in ambito fiscale, solo 4 adempimenti (770, dichiarazione IVA, comunicazione annuale e rimborsi Iva) costano, di pura burocrazia, al sistema delle imprese italiane oltre 2,7 miliardi di euro.

Poche regole e più certezza nella loro applicazione è l’obiettivo cui tendere, applicando anche un reale principio di gradualità per dimensione d‘impresa e per settore di attività”.

Così Giorgio Guerrini, Presidente di Rete Imprese Italia, commenta le dichiarazioni del Ministro dell’Economia all’Audizione in Commissione Finanze della Camera. Tremonti, facendo riferimento ai controlli fiscali, gli accessi e le visite alle imprese ha parlato questa mattina di "un'oppressione fiscale che dobbiamo interrompere".

Secondo Guerrini “sarebbe auspicabile creare un coordinamento delle attività ispettive nei diversi ambiti: fisco, lavoro, ambiente, ecc, per evitare agli imprenditori il ‘supplizio’ dei reiterati controlli a tempi ravvicinati, quando addirittura non sovrapposti”.

“Ma soprattutto – aggiunge Guerrini - occorre sfoltire la mole di norme e adempimenti che si sono stratificati nel tempo e sui quali, una volta introdotti nell'ordinamento, non viene effettuata alcuna misurazione del loro reale utilizzo da parte dell'Amministrazione”.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Aprile 2011 23:04
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information