Home Comunicati stampa ROMA. PARLAMENTO. LEGGE COMUNITARIA 2010.

ACCEDI AL SITO

ROMA. PARLAMENTO. LEGGE COMUNITARIA 2010. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 26 Luglio 2011 09:59

palazzo-chigi

Entro domani approvazione delle disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alla Comunità Europea: Atto Camera 4059, Disegno di Legge S. 2322.

In discussione l'ARCHIVIAZIONE DELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE n. 2008/4908 avviata dall'UE e delega al Governo per la LEGGE QUADRO in materia di riordino delle concessioni demaniali marittime italiane.

Domani da Roma vi terremo informati in tempo reale

onebit_27CLICCA QUI per visualizzare il testo e gli emendamenti in discussione in Parlamento.

Approvata la legge comunitaria 2010 che contiene:
1. l'archiviazione della procedura d'infrazione avviata dall'UE verso lo stato italiano;
2. la  delega al governo per il riordino legislativo in materia di conccessioni demaniali marittime.
TOMEI, coordinatore nazionale cna balneatori: "E' stato fatto un ulteriore passo avanti verso le richieste  avanzate unitariamente dalle associazioni nazionali del settore balneari. adesso bisogna continuare con determinazione nella iniziativsa sindacale per il riconoscimento dell'unicità del sistema turistico balneare italiano che, fatto unico in europa, assicura, grazie alla professionalità dei titolari degli stab baln, alberg, campegg, villagg turist, un'altissima qualità nell'offerta dei servizi agli utenti dispiegando nell'economia il 10% del PIL del PIL nazionale.
CLICCA QUI per visualizzare l'emendamento all'articolo 21 dell'atto camera 4059 appena approvato in parlamento.
foto parlamento
foto tomei.

 

Approvata alla Camera dei Deputati la legge comunitaria 2010 che contiene:


1. l'archiviazione della procedura d'infrazione avviata dall'UE verso lo Stato italiano;
2. la  delega al Governo per il riordino legislativo in materia di conccessioni demaniali marittime
.

confstatoregioniaprile2011TOMEI, Coordinatore nazionale CNA Balneatori: "Ancora molto deve essere fatto per tutelare le Imprese balneari italiane che rappresentano un fatto unico in tutto il panorama europeo che con la loro professionalità ed alta qualità dell'offerta dei servizi, rappresentano il 10% del PIL  nazionale. Intanto su questo ulteriore passo avanti fatto dal Parlamento continueremo a seguire gli esiti della definitiva discussione prevista presso il Senato della Repubblica già durante i prossimi giorni".


Nello stesso pomeriggio di ieri, presso la sede nazionale della Confesercenti è stato costituito un pool di esperti ( avvocati e docenti universitari) di tutte le associazioni nazionali del settore balneare e demaniale marittimo per predisporre unitariamente una proposta giuridica da consegnare al Governo perché quest'ultimo possa sostenere in sede europea l'unicità nell'ambito continentale del sistema turistico balneare e demaniale marittimo italiano. 

 

Tale studio risulterà, peraltro, utile per la definizione dei contenuti della legge quadro di riordino legislativo in materia di concessioni demaniali. 

 

La nostra esperta ( CNA Balneatori) è la prof.ssa Cristina Pozzi docente di diritto comunitario presso l'università di Parma. Alla suddetta riunione per la nostra associazione di categoria hanno partecipato il responsabile nazionale Cristiano Tomei e l'avvocato sig.ra Incoronata Ronzitti. Il pool, appena costituito, inizierà ad operare da subito per arrivare a definire una proposta giuridica che preveda il riconoscimento in ambito europeo dell'attuale categoria dei concessionari demaniali marittimi.


 

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Agosto 2011 00:10
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information