Home Comunicati stampa SCONTRINO FISCALE PER I SERVIZI DI SPIAGGIA: SI TORNA INDIETRO. NORMA GIA' SUPERATA DAL 1996.

ACCEDI AL SITO

SCONTRINO FISCALE PER I SERVIZI DI SPIAGGIA: SI TORNA INDIETRO. NORMA GIA' SUPERATA DAL 1996. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 04 Settembre 2011 18:37

DALL’ESECUTIVO , INVECE,  SI ASPETTANO RISPOSTE CERTE PER IL FUTURO DELLE ATTUALI AZIENDE  BALNEARI A PARTIRE DAL 01 GENNAIO 2016

Il nostro sindacato è pronto a confrontarsi con i rappresentanti dell’Esecutivo su questa proposta ( quella della reintroduzione dello scontrino fiscale)  già superata da ben 15 anni !!  Per questa categoria nonostante  eroghi servizi di tipologia turistica  , ( peraltro già provata da canoni demaniali sproporzionati come il caso delle concessioni pertinenziali ) si attendeva, invece, una riduzione  dell’Iva  saldamente ancorata al 20%  oppure la conversione in legge del Protocollo d’intesa sottoscritto con il Ministero del Turismo che applicava il calcolo del canone in modo più equo per i titolari degli stabilimenti balneari assicurando un più ragguardevole  gettito all’erario.

Ci si aspettava, invece, una concreta risposta da parte dell’esecutivo sul fatto che :

gli investimenti nel settore si sono fermati. Gli impegni finanziari già assunti dai titolari delle aziende balneari, riponendo fiducia nell’automaticità del rinnovo delle concessioni, vanno ben oltre la data del 2015 quando invece le attuali concessioni giungeranno alla loro definitiva scadenza;

moltissimi sono i giovani, le donne e le figure professionali qualificate impiegate all’interno delle piccole e medie imprese turistico-balneari che rischiano di non trovare più risposte occupazionali per via di una contrazione economica dell’intero settore;

bisogna  tracciare una strada chiara perché le imprese possano tornare a lavorare sulla base di norme certe che tutelino gli investimenti già effettuati  e realizzati per garantirsi  un futuro che va ben oltre il 2015;

 I titolari delle imprese turistico – balneari chiedono impegni certi al Governo  che assicurino una continuità reale delle proprie aziende assai ben oltre  la scadenza del 2015.

Ultimo aggiornamento Sabato 10 Settembre 2011 09:58
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information