Home Comunicati stampa TERAMO. APPROVATA IN CONSIGLIO PROVINCIALE LA DELIBERA CON L'ORDINE DEL GIORNO A SOSTEGNO DEL SETTORE TURISTICO BALNEARE.

ACCEDI AL SITO

TERAMO. APPROVATA IN CONSIGLIO PROVINCIALE LA DELIBERA CON L'ORDINE DEL GIORNO A SOSTEGNO DEL SETTORE TURISTICO BALNEARE. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 30 Maggio 2012 12:27
verrocchio
ROBERT VERROCCHIO,
SEGRETARIO PD AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE DI TERAMO.


TOMEI, CNA BALNEATORI:" CHIEDIAMO AL GOVERNO DI RAPPRESENTARE IN EUROPA CON  ORGOGLIO LE RAGIONI DELLE ATTUALI IMPRESE BALNEARI ITALIANE E DI CHIEDERE FORMALMENTE LA DEROGA ALLA DIRETTIVA SERVIZI ".

Ieri sera il Consiglio Provinciale di Teramo su proposta del Consigliere Provinciale e Segretario provinciale del PD Robert Verrocchio e sostenuta dall'Assessore provinciale al Turismo Ezio Vannucci,  ha approvato all'unanimità un importante ordine del giorno A SOSTEGNO DELLE ATTUALI IMPRESE BALNEARI in cui si invitano il Presidente e la Giunta a proseguire con incisività nell'opera di sensibilizzazione affinchè vengano assunte tutte le necessarie iniziative nei confronti del Governo e dell'Unione Europea affinchè

1.sia dichiarata, utilizzando la normativa di recepimento della Direttiva Servizi e ottenendo una deroga dall'Unione Europea, l'esclusione dall'evidenza pubblica delle imprese turistico - ricreative e che sia adottato ogni ulteriore provvedimento idoneo ad evitare la distruzione di un settore economico vitale per l'economia  provinciale teramana e fondamentale per conservare ed accrescere la capacità di attrazione del turismo balneare che è una risorsa indispensabile del turismo della nostra regione;
2.sia adottata, di conseguenza, una legge di riordino normativo in materia di concessioni demaniali marittime ad uso turistico - ricreativo  che, anche tramite l'utilizzo dei principi contenuti nel decreto legge per lo sviluppo del 13 maggio 2011 , n. 70  (coordinato con la legge di conversione 12 luglio 2011, n. 106) garantisca il futuro alle attuali imprese turistico balneari che eviti il meccanismo dell'evidenza pubblica e scongiuri la messa all'asta e la liquidazione delle imprese balneari italiane, abruzzesi e della costa teramana .

Cna balneatori in rappresentanza unitaria anche delle altre sigle nazionali del settore balneare maggiormente rappresentative a livello nazionale è intervenuta durante i lavori del consiglio provinciale ( previa sospensione temporanea degli stessi )per il tramite del coordinatore nazionale Cristiano Tomei, al fine di illustrare le ragioni delle attuali imprese balneari cha stanno  conducendo la propria attività con la totale incertezza di esistenza per il futuro dovuta al reale rischio della messa all'asta, a partire dal 2016, di tutte le 30.000 concessioni demaniali italiane oltre alla grave quanto concreta ipotesi  di assistere alla  liquidazione, in un solo colpo, dell'intero sistema turistico balneare del nostro Paese che rappresenta un'eccellenza invidiata in campo internazionale

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Giugno 2012 08:20
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information