Home Comunicati stampa Bruxelles. Riaprire la trattativa sulla Bolkestein.

ACCEDI AL SITO

Bruxelles. Riaprire la trattativa sulla Bolkestein. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 16 Giugno 2012 17:27
mondo balneareTomei, cna balneatori: " il governo non può lasciare senza certezze 30.000 piccole e medie imprese del turismo balneare italiano.Martedì saremo a Bruxelles per trovare soluzioni".

Riaprire la trattativa sulla direttiva servizi per le concessioni demaniali marittime italiane.
Questo è quanto chiederanno martedi a bruxelles i maggiori sindacati nazionali e i rappresentanti istituzionali degli enti locali italiani nel corso dell' incontro che avrà luogo nella sala ASP A3F383 presso il Parlamento Europeo in Bruxelles alla presenza del responsabile ufficio legale e del capo unità, Daniel Kramer e Martin Frohn.

Ritengo quella di Bruxelles- sostiene Cristiano Tomei coordinatore nazionale di Cna Balneatori - una missione molto qualificata dove la presenza nella delegazione italiana del responsabile nazionale A.N.C.I. per il demanio marittimo Luciano Monticelli, dei Coordinatori nazionali delle regioni per il turismo e per il demanio, rispettivamente Mauro Di Dalmazio e Marilyn Fusco, il delegato nazionale U.P.I. per il demanio Angelo Vaccarezza, oltre a diversi rappresentanti delle regioni costiere e a deputati, senatori ed europarlamentari caratterizzi istituzionalmente la richiesta di una soluzione positiva per le attuali 30.000 aziende balneari italiane le quali non possono essere mandate all'asta o ad evidenza pubblica pena la distruzione di un sistema turistico ed economico che ci invidiano in tutto il mondo e che non si riscontra in nessuna altra nazione europea. L'approvazione della risoluzione in Consiglio regionale a L'Aquila - continua Tomei, - ha aperto una strada diretta verso Bruxelles per tentare la riapertura del tavolo europeo sulla direttiva servizi.

Di fronte all'immobilismo del Governo, le iniziative messe in campo a livello sindacale con la grande manifestazione del 18 aprile scorso a Roma e a livello istituzionale con la recente approvazione della risoluzione in Consiglio regionale a L' Aquila in cui si impegna il Coordinatore nazionale degli Assessori regionali al Turismo ad assumere tutte le necessarie iniziative, in caso di inerzia e/o di diniego del Governo per una interlocuzione diretta tra la Commissione Europea e il sistema delle Regioni e con l'attivazione di un tavolo di condivisione dei suddetti percorsi a cui partecipano l'A.N.C.I. nazionale ,l' U.P.I. nazionale e le associazioni nazionali maggiormente rappresentative, di fatto apre le istituzioni territoriali alla possibilità di un confronto ufficiale tra la Commissione europea e il sistema delle Regioni.

"Dobbiamo continuare - insiste Tomei - questa strategia messa in campo insieme da regioni, province, comuni e sindacati nazionali per far uscire da un assordante silenzio e da un ingiustificabile immobilismo il Governo .
A quresto punto ci auspichiamo che i Ministri Gnudi e Moavero Milanesi convochino subito il tavolo con i sindacati e gli enti locali perchè si prenda atto della richiesta avanzata in Europa della non applicabilità,per il settore balneare italiano, della direttiva servizi adottando le soluzioni praticabili che abbiano, però, un unico ed irrinunciabile obiettivo: la deroga per evitare le aste e l'evidenza pubblica".

Ultimo aggiornamento Sabato 16 Giugno 2012 17:32
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information