Home Comunicati stampa LE DECISIONI DI CARRARA. DOMANI MARTEDì 03 MARZO ORE 10,00 DIRETTA STREAMING E CONFERENCE CALL SKYPE PER DIRETTIVO NAZIONALE CNA BALNEATORI

ACCEDI AL SITO

LE DECISIONI DI CARRARA. DOMANI MARTEDì 03 MARZO ORE 10,00 DIRETTA STREAMING E CONFERENCE CALL SKYPE PER DIRETTIVO NAZIONALE CNA BALNEATORI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 02 Marzo 2015 10:25

Pescara, 03 Marzo 2015 ore 10:00

Direttivo nazionale CNA Balneatori

TOMEI, CNA BALNEATORI: " Sono irrinunciabili i quattro punti della piattaforma sindacale approvata a Rimini. E' necessario che il Governo tratti in Europa per l'eliminazione delle ricadute negative della Direttiva Servizi sul settore balneare italiano, difenda ufficialmente e strenuamente la proroga al 2020 approvata dal Parlamento italiano, evidenzi che è possibile sostenere la continuità delle nostre imprese, senza aste ed evidenze pubbliche, secondo quanto stabilito dalla Carta di Lisbona, dal Trattato di Nizza, dai Considerando 14 e 15 della neo Diretiva concessioni e dalla ancora vigente Legge italiana 113/83 (contratti di locazione per i Concessionari). Nè il sottoscritto, nè CNA Balneatori hanno ricevuto Bozze legislative. E' un diritto delle imprese conoscere la posizione ufficiale del Governo e per quanto mi riguarda, sono disposto a confrontarmi e collaborare con l'Esecutivo laddove ci sia dall'altra parte la volontà a rapperesentare convintamente ed ufficialmente in Europa le nostre ragioni. In caso contrario, credo, sia irrinungiabile indire una manifestazione sindacale UNITARIA pacifica e democratica di tutte le imprese balneari".


20150223 175906

20150223 175553

Ai Componenti il Consiglio Nazionale
Ai Responsabili Regionali e Territoriali

e p.c.:

Concessionari demaniali marittimi
associati C.N.A. Balneatori

Cari colleghi,

in occasione del Direttivo regionale di CNA Balneatori Abruzzo che si terrà domani martedì 04 marzo 2015 alle ore 10,00 presso le sede di CNA ABRUZZO ( sala riunioni 3° piano - via Cetteo Ciglia, 8 ) sarà predisposto il collegamento -in ambito nazionale - SKYPE ( per loggarsi su Skype: cna balneatori ) e la DIRETTA STREAMING ( canale Tv su www. cnabalneatori.it ) per tutti coloro che volessero prendere atto del resoconto e delle decisioni assunte durante dei lavori del Direttivo nazionale e dell'Assemblea sindacale unitaria tenutisi a Carrara, in ambito " Balnearia "e partecipare alla discussione.  Infatti, l'ordine del giorno del direttivo regionale di domani trattera' i seguenti temi: ( per maggiori info vai su:  www. cnabalneatori.it  )



1) ordine del giorno sulla questione balneare italiana approvato dal Direttivo Nazionale di CNA Balneatori , dai Direttivi Nazionali delle altre sigle sindacali di settore ( Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti, Cna Balneatori e Oasi Confartigianato ) e di cui è stata data lettura nel corso dell'Assemblea unitaria sulla questione balneare italiana e sul riordino normativo in materia di Concessioni; Esito lavori e linea sindacale del Direttivo Nazionale CNA Balneatori tenutosi a Carrara in ambito di Balnearia; per maggiori info, clicca su:

http://www.cnabalneatori.it/index.php?option=com_content&view=article&id=840:cnabalneatori-tv-trasmissione-in-diretta&catid=53:articoli-comunicati-stampa&Itemid=2

2) ordine del giorno sulle concessioni con canoni pertinenziali insostenibili approvato dal Direttivo Nazionale di CNA Balneatori , dai Direttivi Nazionali delle altre sigle sindacali di settore e di cui è stata data lettura nel corso dell'Assemblea unitaria: il 10 marzo a Roma i sindacati di settore organizzeranno un presidio di protesta per invocare l'immediata soluzione di questo annoso e grave problema;


3) la risoluzione sindacale in cui si da' mandato agli Avvocati Roberto Righi e Ettore Nesi ( che hanno partecipato personalmente ai lavori del nostro Direttivo ) per un ricorso nazionale riguardo l'Articolo 49 c.n., l'Atto di resistenza alla Sentenza TAR Sardegna e gli sviluppi dell'intervento giuridico già effettuato verso la Sentenza TAR Lombardia. 

4) la storica  sentenza n. 328 del 27 febbraio 2015, con la quale il T.A.R. Toscana, Sez. III, stabilisce il diritto di superficie del concessionario sugli immobili realizzati sul demanio promossa dall'Avv. Ettore Nesi del Foro di Firenze: a tal proposito vi rimandiamo al seguente LINK:

http://www.comitatobalneariliguria.it/2015/02/28/tar-toscana-27-febbraio-2015-le-opere-realizzate-sul-demanio-sono-proprieta-esclusiva-del-concessionario/

si parlerà inoltre:

5) Piano Demaniale marittimo regionale approvato dal Consiglio Regionale dell’Abruzzo e confronti sindacali di Cna Balneatori territoriali con in governi regionali;

6) Maltempo ed erosione delle coste regionali .

Il coordinamento e la segreteria nazionale sono a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Grazie per l'attenzione e cordiali saluti.

Il Coordinatore nazionale
Cna Balneatori
Cristiano Tomei
cell. 349 3571785

Segreteria organizzativa
c/o Cna Regionale Abruzzo
via Cetteo Ciglia, 8
65128 Pescara

 

TAR TOSCANA 27 FEBBRAIO 2015:

LE OPERE REALIZZATE SUL DEMANIO SONO PROPRIETÀ ESCLUSIVA DEL CONCESSIONARIO

 

Articolo di comitatobalneariliguria.it e gentilmente concesso per la pubblicazione

 

Postato il: 28 febbraio, 2015 | Lascia un commento

L’avvocato Ettore Nesi, una punta di diamante della difesa giuridica nella questione balneare italiana, segnala al presidente Tomei – CNA Balneatori – che ce la gira per la massima diffusione, la sentenza n. 328 del 27 febbraio 2015, con la quale il T.A.R. Toscana, Sez. III, stabilisce il diritto di superficie del concessionario sugli immobili realizzati sul demanio.“Mitico!! E’ un ricorso del 2010. Da lì scrissi i primi articoli.  Vagnozzi (concessionario demaniale marittimo tra i fondatori di CNA Balneatori – n.d.r.) li lesse e poi è nato tutto.” Questo il commento a caldo di Nesi. Lo rilanciamo con gioia a tutto il web.
Ora aspettiamo le decisioni del Governo, che non può fare finta di niente e deve prendere senza indugio i provvedimenti del caso. Magari con decretazione d’urgenza, come è solito fare.
Cristiano Tomei, con altrettanta soddisfazione, dichiara:
“E’ senz’altro una storica sentenza che, grazie al ricorso messo in campo dall’avv. Nesi, dà ragione  ai sindacati, che dal 2007 vanno affermando questi principi, e ai concessionari pertinenziali, che dallo stesso anno stanno tribolando le pene dell’inferno. Adesso vorrei capire se il Governo metterà in atto immediati provvedimenti normativi che tengano conto di questa importante sentenza, per non far pagare più  canoni demaniali insostenibili e iniqui. Ma è mai possibile che tanti singoli cittadini debbano fare altrettanti ricorsi per affermare un principio di ovvietà,  che anche uno scolaro della terza elementare capisce da sé, quando il Governo con un semplice rigo di una legge potrebbe ristabilire verità ed equità?! Inoltre, fatto non meno importante, il riconoscimento del diritto di superficie assodato dalla sentenza del T.A.R. Toscana dà ragione alle tesi dell’avv. Roberto Righi, esposte durante i lavori del Direttivo nazionale CNA Balneatori a Carrara. Per cui sarebbe sufficiente applicare una legge italiana vigente, per la precisione la 113 del 1983, che dà la possibilità di stabilire un contratto di locazione tra l’ente concedente e il concessionario, in perfetta linea con quanto asserito dai consideranda 14 e 15 della neo direttiva concessioni europea.”

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Marzo 2015 12:43
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information