Home Comunicati stampa COMITATO BALNEARI LIGURIA INTERVISTA TOMEI

ACCEDI AL SITO

COMITATO BALNEARI LIGURIA INTERVISTA TOMEI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 09 Settembre 2015 11:10

articolo pubblicato su gentile concessione di comitatobalneariliguria.it

COMITATO BALNEARI LIGURIA INTERVISTA TOMEI

 

Postato il: 9 settembre, 2015

Dopo le dichiarazioni del sottosegretario Gozi alla Festa dell’Unità di Ravenna (cfr. nostro post:  MONDO BALNEARE INTERVISTA GOZI) abbiamo ritenuto opportuno sentire Cristiano Tomei – presidente nazionale CNA Balneatori.

 

Presidente Tomei, il sottosegretario Gozi, a Ravenna, pur ribadendo l’impegno nei confronti delle imprese balneari, ha confermato l’impressione che il Governo consideri la trattativa con l’UE in fase di stallo, in attesa della pronuncia della Corte di Giustizia europea. Tale sentenza, con ogni probabilità, sarà resa nota non prima del marzo 2016. Qual è la sua impressione al riguardo e in particolare come intende agire CNA Balneatori nel lungo periodo che precede la sentenza?

 Le imprese associate a CNA Balneatori hanno fatto la propria parte, cosi come l’Avvocatura di Stato, per difendere la proroga al 2020, al cospetto della Corte di Giustizia europea, opponendo opportunamente ricorsi alle iniziative promosse dai Tar Lombardia e Sardegna.

CNA Balneatori ritiene che, in attesa del pronunciamento della Corte di Giustizia, il Governo adesso debba fare uno sforzo ulteriore, debba cioè promuovere a Bruxelles una posizione politica che sostenga l’importanza della proroga al 2020, fondamentale per proseguire la trattativa sul cosiddetto doppio binario e sulla concessione di un adeguato periodo transitorio, altrettanto necessario, quest’ultimo, per affermare il diritto ad esistere di 30 mila imprese balneari e per difendere l’unicità del sistema turistico balneare italiano. Come abbiamo visto nel corso dell’estate, questo comparto, in grado di produrre effetti positivi importanti per l’intera economia nazionale,  nella sua attuale configurazionecostituisce un elemento propulsivo assolutamente irrinunciabile. In questa fase dei rapporti con l’UE, CNA Balneatori sostiene pienamente il Governo nella sua ricerca di mantenere percorribile l’ipotesi del doppio binario.
Come ho già avuto modo di dire, peraltro, preciso che CNA Balneatori considera essenziale l’adeguato periodo transitorio all’interno del doppio binario per due motivi: il primo riguarda la possibilità di dare ossigeno alle imprese balneari in attività; il secondo, altrettanto importante, concerne il tempo necessario per ricercare soluzioni politiche e giuridiche che allontanino definitivamente aste ed evidenze pubbliche.
Quanto alle iniziative specifiche di CNA Balneatori, preciso che a ottobre, in occasione del SUN di Rimini, presenteremo ufficialmente lo studio economico anticipato nei primi giorni d’agosto, studio che fotografa il valore economico delle imprese balneari disseminate lungo i litorali della penisola e che consente di affermare la genuinità e la potenzialità  della piccola e piccolissima imprenditoria familiare impegnata in questo settore. Noi siamo convinti assertori che il comparto balneare debba e possa essere posto al riparo dalle mire dei grandi capitali nazionali ed esteri a cui sarebbe inevitabilmente esposto in caso di aste ed evidenze pubbliche, mentre la sua connotazione di piccola impresa e di impresa familiare dovrebbe essere difesa strenuamente. Riteniamo che questo studio, che in autunno sarà trasmesso al Governo e alla Commissione europea, ci aiuti a sostenere le nostre tesi.  Oltre a ciò, CNA Balneatori presenterà un’analisi approfondita sulla compatibilità ambientale degli stabilimenti balneari all’interno dei distretti turistico-balneari e delle aree marine protette, dove la presenza di attività turistico-ricreative risulta indispensabile per affermare la vocazione turistica e naturalistica di quegli specifici territori. CNA Balneatori è profondamente convinta che focalizzare l’attenzione sul versante ambientale risulti strategico anche e particolarmente per quanto riguarda il risanamento dei fiumi e il rapporto imprescindibile che esiste tra bacini imbriferi e qualità delle acque marine di balneazione.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Settembre 2015 10:50
 

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information