Home

ACCEDI AL SITO

NOTIZIE IN PRIMO PIANO
UFFICIO DI PRESIDENZA E DIRETTIVO NAZIONALE CNA BALNEATORI. (COMPONENTI ED INVITATI PERMANENTI) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Luglio 2016 11:11

UFFICIO DI PRESIDENZA E DIRETTIVO NAZIONALE CNA BALNEATORI

(COMPONENTI ED INVITATI PERMANENTI)

TOMEI CRISTIANO Coordinatore Nazionale

***ABRUZZO***

1.       CAMBI ENZO

Presidente regionale

2.       COSTANTINI CARLO

Funzionario regionale fab/cna balneatori

3.       FIORE LUCIANO

4.       CELLINI GIANFRANCO

5.       DI MARCO LUIGI

6.       MILLE CLAUDIO

7.       GIOVANNELLI FRANCHINO

8.       D'AGOSTINO ROBERTO

9.       CESARE ANTONUCCI

10.   PAVONE MAURO

11.   ABBONDANZA GIUSEPPE

12.   POSA SAVERIO

13.   PACIOCCO ROMOLO

14.   VAGNOZZI EMILIO

15.   FATONE GERARDO

16.   CIARALLI PIERFRANCESCO

17.   D'ALICANDRO AMERIGO

18.   DI GREGORIO RAFFAELLA

19.   PESCE LUCIANO

20.   FERRETTI RENATO

21.   TERRA ANDREA

22.   PRIMAVERA RENATO

***BASILICATA***

23.   MORMANDO ANTONIO

Presidente regionale

***CALABRIA***

24.   NIRELLO ANTONIO

Referente territoriale Catanzaro

25.   NUCERA MASSIMO

Referente territoriale Reggio Calabria

***LAZIO***

26.   CRISCUOLO MAURIZIO

Presidente regionale

27.   CERASOLI VINCENZO

Presidente regionale aggiunto

28.   CAPEZZUOLI CLAUDIO

Funzionario regionale

29.   MAGGI TANIA

Funzionario territoriale Latina

30.   CONTE ANTONIO

31.   RICINIELLO GIORGIO

32.   DI RUSSO GIANFILIPPO

33.   CAMEROTA DAVIDE

34.   CAMEROTA SALVATORE

35.   TOPA ROBERTO

36.   CREO STEFANO

37.   CATACCI CLAUDIO

38.   MATACCHIONI GINO

39.   GIRARDI LORENZO

40.   SEMENTE FRANCO

41.   CONTADINI ARISTIDE

42.   GUGLIETTA ROBERTO

***LIGURIA***

43.   RICCOMINI ALESSANDRO

Presidente regionale

44.   MERCURIO GIACOMO 

Referente regionale S.L.A.

45.   CAROLI’ SONIA

Coordinatore regionale

46.   SACCHETTI MATTEO

Funzionario territoriale Savona

47.   BISSOLOTTI ANDREA

Funzionario territoriale Genova

48.   COLOMBO DAVIDE

Funzionario territoriale  La Spezia

49.   ZOLESI ROBERTO

50.   BOTTA GIOVANNI

51.   LA BOZZETTA CESARE

52.   LERDA PATRIZIA

53.   PANIZZI RAFFAELLA

54.   BOLLA BETTINA

55.   MOGGIA FABIO

***MOLISE***

56.   DE LAURETO RENATO

Presidente regionale

57.   NAPOLITANO LUIGI

***TOSCANA***

58.   MARCHETTI LORENZO

Presidente regionale

59.   CUCURNIA GIACOMO

Funzionario territoriale Massa Carrara

60.   TESI STEPHANO

Segretario territoriale Lucca

61.   TALINI DARIO

Funzionario territoriale Livorno

62.   PECCI DAVIDE

Funzionario territoriale  Grosseto

63.   BERTINI MARCELLO

Funzionario territoriale Pisa

64.   ZERINI STEFANO

65.   ROMANI SABRINA

66.   SBRANA PIERGIORGIO

67.   PIANCASTELLI ILARIA

68.   CARDARELLI NANDO

69.   BALDACCI RICCARDO

70.   MARCHIORI SILVIO

71.   NATALE ANTONIO

***PUGLIA***

72.   VIGNOLA RAFFAELE

Presidente regionale

73.   COSTANTINI EMILIANO

74.   LANFRANCHI BEATRICE

75.   ANDREULA COSIMO

76.   DI TINCO MICHELE

77.   SCARATI GIOVANNA

78.   LA CARBONARA FRANCO

79.   CALDARULO BRUNO

80.   SEMERARO ANTONIO

***MARCHE***

81.   CARDINALI SABINA

Presidente regionale

82.   BIANCHINI ANTONIO

Funzionario regionale

83.   GAUDENZI GIACOMO

84.   ANGELONI GIANCARLO

85.   DRAGOMANNI MARCO

86.   BRANDONI ADRIANA

87.   CARNAROLI MARINO

***EMILIA ROMAGNA***

88.   MURATORI ELISA

Coordinatore regionale

89.   MUSSONI MARCO

Funzionario territoriale Rimini

90.   SALIMBENI NEVIO

Funzionario territoriale Ravenna

91.   GRANDINI LUCA

Funzionario territoriale Ferrara

92.   ROSSI GIANCARLO

Funzionario Cesenatico

93.   ANGELINI DANIELA

Funzionario Riccione

94.   MASSI LORENZO

95.   BORGHETTI BRUNO

96.   ROSETTI LUCA

97.   RAVAGLIA FAUSTO

98.   DALL'ASTA SANTE

99.   BOLDRINI GABRIELE

100.                       SERAFINI SERGIO

101.                       TOSI STEFANIA

102.                       PAESANI LUCIO

103.                       VERONESE NICOLA

***VENETO***

104.                       MARANGON EMANUELA

Presidente territoriale Rovigo

105.                       BUSON PIER GIOVANNI

Funzionario territoriale Rovigo

 

 

 

 

UFFICIO DI PRESIDENZA E DIRETTIVO NAZIONALE CNA BALNEATORI TOMEI CRISTIANO Coordinatore Nazionale ***ABRUZZO***
1. CAMBI ENZO
Presidente regionale
2. COSTANTINI CARLO
Funzionario regionale fab/cna balneatori
3. FIORE LUCIANO
4. CELLINI GIANFRANCO
5. DI MARCO LUIGI
6. MILLE CLAUDIO
7. GIOVANNELLI FRANCHINO
8. D'AGOSTINO ROBERTO
9. CESARE ANTONUCCI
10. PAVONE MAURO
11. ABBONDANZA GIUSEPPE
12. POSA SAVERIO
13. PACIOCCO ROMOLO
14. VAGNOZZI EMILIO
15. FATONE GERARDO
16. CIARALLI PIERFRANCESCO
17. D'ALICANDRO AMERIGO
18. DI GREGORIO RAFFAELLA
19. PESCE LUCIANO
20. FERRETTI RENATO
21. TERRA ANDREA
22. PRIMAVERA RENATO ***BASILICATA***
23. MORMANDO ANTONIO
Presidente regionale ***CALABRIA***
24. NIRELLO ANTONIO
Referente territoriale Catanzaro
25. NUCERA MASSIMO
Referente territoriale Reggio Calabria ***LAZIO***
26. CRISCUOLO MAURIZIO
Presidente regionale
27. CERASOLI VINCENZO
Presidente regionale aggiunto
28. CAPEZZUOLI CLAUDIO
Funzionario regionale
29. MAGGI TANIA
Funzionario territoriale Latina
30. CONTE ANTONIO
31. RICINIELLO GIORGIO
32. DI RUSSO GIANFILIPPO
33. CAMEROTA DAVIDE
34. CAMEROTA SALVATORE
35. TOPA ROBERTO
36. CREO STEFANO
37. CATACCI CLAUDIO
38. MATACCHIONI GINO
39. GIRARDI LORENZO
40. SEMENTE FRANCO
41. CONTADINI ARISTIDE
42. GUGLIETTA ROBERTO ***LIGURIA***
43. RICCOMINI ALESSANDRO
Presidente regionale
44. MERCURIO GIACOMO
Referente regionale S.L.A.
45. CAROLI’ SONIA
Coordinatore regionale
46. SACCHETTI MATTEO
Funzionario regionale Savona
47. VISSOLOTTI ANDREA
Funzionario territoriale Genova
48. COLOMBO DAVIDE
Funzionario territoriale La Spezia
49. ZOLESI ROBERTO
50. BOTTA GIOVANNI
51. LA BOZZETTA CESARE
52. LERDA PATRIZIA
53. PANIZZI RAFFAELLA
54. BOLLA BETTINA
55. MOGGIA FABIO ***MOLISE***
56. DE LAURETO RENATO
Presidente regionale
57. NAPOLITANO LUIGI ***TOSCANA***
58. MARCHETTI LORENZO
Presidente regionale
59. CUCURNIA GIACOMO
Funzionario territoriale Massa Carrara
60. TESI STEPHANO
Segretario territoriale Lucca
61. TALINI DARIO
Funzionario territoriale Livorno
62. PECCI DAVIDE
Funzionario territoriale Grosseto
63. BERTINI MARCELLO
Funzionario territoriale Pisa
64. ZERINI STEFANO
65. ROMANI SABRINA
66. SBRANA PIERGIORGIO
67. PIANCASTELLI ILARIA
68. CARDARELLI NANDO
69. BALDACCI RICCARDO
70. MARCHIORI SILVIO
71. NATALE ANTONIO ***PUGLIA***
72. VIGNOLA RAFFAELE
Presidente regionale
73. COSTANTINI EMILIANO
74. LANFRANCHI BEATRICE
75. ANDREULA COSIMO
76. DI TINCO MICHELE
77. SCARATI GIOVANNA
78. LA CARBONARA FRANCO
79. CALDARULO BRUNO
80. SEMERARO ANTONIO ***MARCHE***
81. CARDINALI SABINA
Presidente regionale
82. BIANCHINI ANTONIO
Funzionario regionale
83. GAUDENZI GIACOMO
84. ANGELONI GIANCARLO
85. DRAGOMANNI MARCO
86. BRANDONI ADRIANA
87. CARNAROLI MARINO ***EMILIA ROMAGNA***
88. MURATORI ELISA
Coordinatore regionale
89. MUSSONI MARCO
Funzionario territoriale Rimini
90. SALIMBENI NEVIO
Funzionario territoriale Ravenna
91. GRANDINI LUCA
Funzionario territoriale Ferrara
92. ROSSI GIANCARLO
Funzionario Cesenatico
93. ANGELINI DANIELA
Funzionario Riccione
94. MASSI LORENZO
95. BORGHETTI BRUNO
96. ROSETTI LUCA
97. RAVAGLIA FAUSTO
98. DALL'ASTA SANTE
99. BOLDRINI GABRIELE
100. SERAFINI SERGIO
101. TOSI STEFANIA
102. PAESANI LUCIO
103. VERONESE NICOLA ***VENETO***
104. MARANGON EMANUELA
Presidente territoriale Rovigo
105. BUSON PIER GIOVANNI
Funzionario territoriale Rovigo
Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Luglio 2016 11:25
 
ROMA. UFFICIO DI PRESIDENZA CNA BALNEATORI RICONOSCERE IL LEGITTIMO AFFIDAMENTO E LA CERTEZZA DEL DIRITTO PER LE ATTUALI IMPRESE BALNEARI ITALIANE. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 20 Luglio 2016 08:34

ufficio presidenza roma20072016

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Luglio 2016 11:19
Leggi tutto...
 
Concessioni.Approvata la norma ponte salva imprese balneari. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 19 Luglio 2016 10:07

Tomei, Cna Balneatori:"è ora necessaria un’immediata convocazione del tavolo tecnico tra Governo, Regioni, Comuni e sindacati per arrivare a una proposta forte e condivisa che, dopo la norma-ponte, assicuri continuità aziendale alle attuali imprese ed escluda le procedure comparative."

tomei folla marzo2016

E' stato approvato l’emendamento al decreto Enti locali che ripristina la legittimità delle concessioni in essere, pendenti dopo la sentenza 14 luglio della Corte di Giustizia europea.

Questo il testo approvato dalla Commissione Bilancio della Camera:
Dopo il comma 3, aggiungere i seguenti:
3-bis. Nelle more della revisione e del riordino della materia in conformità ai principi di derivazione comunitaria per garantire certezza alle situazioni giuridiche in atto, ed assicurare l’interesse pubblico all’ordinata gestione del demanio senza soluzione di continuità, conservano validità i rapporti già instaurati e pendenti in base all’art. 1, comma 18, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25. 3-ter. All’art. 1, comma 484, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, al primo periodo, sono soppresse le parole “alla data del 30 settembre 2016, entro la quale si provvede” e le parole “il rilascio,”. Conseguentemente, sostituire la rubrica con la seguente: “Misure urgenti per il patrimonio, le attività culturali e turistiche”.

L’emendamento in questione, che salva anche le imprese pertinenziali, consente agli imprenditori balneari di lavorare con relativa tranquillità, fino a che il Governo non abbia attuato la riforma del comparto balneare marittimo.

Adesso, dopo l'approvazione del provvedimento salva-spiagge, necessario per mantenere la legittimità per le attuali concessioni, si lavori per evitare procedure comparative per le 30.000 imprese balneari in attività.

Le motivazioni a supporto della sentenza della Corte di giustizia europea aprono uno scenario importante sul legittimo affidamento e sull’attivazione della procedura del “doppio binario” su scala regionale e comunale.

È ora necessaria un’immediata convocazione del tavolo tecnico tra Governo, Regioni, Comuni e sindacati per arrivare a una proposta forte e condivisa che, dopo la norma-ponte, assicuri continuità aziendale alle attuali imprese ed escluda le procedure comparative.

Lo stesso discorso vale per le imprese pertinenziali, soggette a canoni insostenibili, per le quali bisognerà ottenere l’abolizione del moltiplicatore OMI.»

 
Riconoscere il legittimo affidamento per le attuali concessioni e la no scarsità del bene spiaggia. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 19 Luglio 2016 10:45

Tomei, Cna Balneatori:" dopo la norma-ponte <<salva imprese>> adesso è necessario approvare un ordine del giorno che riconosca il legittimo affidamento per le attuali imprese balneari e riavvi immediatamente la ricognizione-tramite regioni e comuni costieri- sulla disponibilità degli arenili per asserire la non scarsità del bene spiaggia e delle concessioni demaniali marittime italiane".

ravenna tomeiDopo la norma ponte salva imprese approvata con l’emendamento al decreto Enti locali che ripristina la legittimità delle concessioni in essere, pendenti successivamente alla sentenza della Corte di Giustizia europea, adesso è di fondamentale importanza la predisposizione di un ordine del giorno che ottenga il via libera da Governo e Parlamento e che prenda atto delle risoluzioni contenute nella pronuncia della Corte di Giustizia del 14 luglio scorso nelle cause riunite C‑458/14 e C‑67/15 Promoimpresa S.r.l./Consorzio dei comuni della Sponda Bresciana del Lago di Garda e del Lago di Idro e a. e C-67/15 Mario Melis e a./Comune di Loiri Porto San Paolo e a. e più in generale sulle concessioni demaniali marittime italiane.

In particolare Cna Balneatori ritiene necessario sostenere quanto riportato ai punti 43 e 71 (che riproponiamo di seguito)della citata sentenza:

<<43). Per quanto riguarda, più specificamente, la questione se dette concessioni debbano essere oggetto di un numero limitato di autorizzazioni per via della scarsità delle risorse naturali, spetta al giudice nazionale verificare se tale requisito sia soddisfatto. A tale riguardo, il fatto che le concessioni di cui ai procedimenti principali siano rilasciate a livello non nazionale bensì comunale deve, in particolare, essere preso in considerazione al fine di determinare se tali aree che possono essere oggetto di uno sfruttamento economico siano in numero limitato.>>

<<71). Infine, nei limiti in cui il governo italiano fa valere che le proroghe attuate dalla normativa nazionale mirano a consentire ai concessionari di ammortizzare i loro investimenti, occorre precisare che una siffatta disparità di trattamento può essere giustificata da motivi imperativi di interesse generale, in particolare dalla necessità di rispettare il principio della certezza del diritto (v., in tal senso, sentenze del 17 luglio 2008, ASM Brescia, C‑347/06, EU:C:2008:416, punto 64, nonché del 14 novembre 2013, Belgacom, C‑221/12, EU:C:2013:736, punto 3.>>

Anche il comunicato stampa n. 77/16 diramato il 14 luglio a seguito della citata sentenza della Corte di giustizia un Lussemburgo dell’Unione europea, sembra confortarci nelle nostre tesi nel momento in cui in due suoi "passaggi" espone che:

<<Con l’odierna sentenza, la Corte sottolinea, anzitutto, che spetta al giudice nazionale verificare, ai fini dell’applicazione della direttiva, se le concessioni italiane debbano essere oggetto di un numero limitato di autorizzazioni per via della scarsità delle risorse naturali.>>

<<Certamente l’articolo 12 della direttiva consente agli Stati membri di tener conto, nello stabilire la procedura di selezione, di motivi imperativi di interesse generale, quali, in particolare, la necessità di tutelare il legittimo affidamento dei titolari delle autorizzazioni di modo che essi possano ammortizzare gli investimenti effettuati. Tuttavia, considerazioni di tal genere non possono giustificare una proroga automatica, qualora al momento del rilascio iniziale delle autorizzazioni non sia stata organizzata alcuna procedura di selezione.

L’articolo 12 della direttiva osta, pertanto, a una misura nazionale che, in assenza di qualsiasi procedura di selezione tra i potenziali candidati, prevede la proroga automatica delle autorizzazioni di sfruttamento del demanio marittimo e lacustre per attività turistico-ricreative.>>

 
UNA NORMA PONTE PER SALVARE LE CONCESSIONI E PER EVITARE LE PROCEDURE COMPARATIVE. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 18 Luglio 2016 12:40

TOMEI, CNA BALNEATORI:" dopo il provvedimento cosiddetto salva spiagge al vaglio del Parlamento affinchè si mantenga la legittimità per le attuali concessioni si lavori per evitare le procedure comparative per le 30,000 imprese balneari in attività."

ravenna tomei

Questo è quanto appena dichiarato da Cristiano Tomei coordinatore nazionale di Cna Balneatori all'indomani della sentenza della Corte di Giustizia UE e in concomitanza della discussione in Parlamento sulla norma che rende valide le attuali concessioni.

"Le motivazioni a supporto della sentenza della Corte di Giustizia-continua Tomei- aprono uno scenario importante sostenuto nella memoria difensiva del pool di avvocati di Cna Balneatori sul legittimo affidamento e sull'attivazione della procedura del "doppio binario" su scala regionale e comunale.
E' necessaria un'immediata convocazione del Tavolo tecnico tra governo, regioni, comuni e sindacati per arrivare ad una proposta forte e condivisa che assicuri, dopo la norma ponte, la continuità aziendale alle attuali imprese e allo stesso tempo escluda le procedure comparative".

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 125

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Facendo click su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information